422944_252340664855945_2042427485_n So perfettamente come vi sentite. E, credetemi, capita ai migliori.
Voglio dire, quella sensazione d’insofferenza incombente, quel senso d’inutilità mista a malinconia curiosa che vi pervade mente e corpo e che non riuscite a scrollarvi, il desiderio persistente di evadere. La testa pesante, i pensieri confusi, quel senso d’inadeguatezza che vi sta incollato addosso, in mezzo alla gente, lontani dalla gente, col sole, senza il sole.
Sollevatevi, perché a tutto questo c’è rimedio. Anzi, il rimedio: cambiare look.
E’ umanamente provato (da me). Il primo passo per ritornare a guardare il mondo con ottimismo e ilarità è darci un taglio. Nel senso dei capelli, intendo.
Ci avete mai pensato? Capita a tutti di sentirsi “la testa pesante” , l’insofferenza addosso che ci fa girare come trottole per casa senza sapere cosa cercare.
Poi un pensiero rigenerante: farvi uno shampo. E tutto si alleggerisce un bel po’.
Per un po’. Ma poi l’inadeguatezza ritorna, e anche il senso di frustrazione confusa e
perfino la tua immagine riflessa allo specchio ti provoca fastidio.
In tal caso, la soluzione è solo una : correre da un mago del capello.
Un taglio netto, fin sotto l’orecchio, o una permanente decisa che vi faccia piombare negli anni trenta, o un capello alla James Dean, l’incipit di una cura che vi condurrà a nuova vita. Sarà come una rinascita, all’istante, nel momento stesso in cui sentirete la lama delle forbici tagliar via una lunga prima ciocca di vecchi tristi capelli senza senso, o alla prima spennellata di ammoniaca per incapricciare in riccioli il piattume della vostra liscezza di capigliatura.
Quando uscirete all’aria, alla nuova aria, se pioverà o ci sarà il sole non vi turberà, perché il mondo vi apparirà tutto d’un tratto come uno schianto di posto in cui ogni cosa bella può accadere. E ogni sentimento brutto può finire.

Gì DM

 

Rispondi